La Corte di Cassazione con la Sent.8637/2016 ha confermato che nel caso di “impossibilità totale del godimento del bene” concesso in locazione possa essere considerato responsabile il proprietario del locale; nel caso di specie, tale impossibilità di totale godimento era da rinvenirsi nell’esistenza di cavi elettrici posti sotto il pavimento, privi di alcuna certificazione ed idonei, in astratto, a creare pericoli per la incolumità fisica degli occupanti dell’immobile.

In ragione di tale circostanza, la Corte di Cassazione ha avuto modo di evidenziare che l’inquilino poteva essere legittimato alla domanda di restituzione dei canoni di locazione pagati in esecuzione del contratto di locazione a prescindere dall’aver accettato l’immobile nello stato di fatto in cui il medesimo si trovava.

Fonte: Redazione