Se il cessionario stipula un contratto di mutuo bancario per un importo superiore al corrispettivo dichiarato nell’atto di compravendita di un immobile, in sede di accertamento è sempre possibile fornire la prova che l’ammontare del finanziamento rilevante ai fini della determinazione del valore normale è solo parte di quello risultante dall’operazione di credito ovvero che lo stesso non è finalizzato all’acquisto dell’immobile.

risoluzione n. 248/e del 17 giugno 2008

Fonte: Ministero dell’Economia e delle Finanze